Territorio 

Taranto, Puliamo il Mondo in Città Vecchia. Legambiente: “Per un mondo pulito, civile, inclusivo. Da costruire insieme”

Dopo l’anteprima di venerdì con i ragazzi dell’Istituto comprensivo Sciascia che, accompagnati dai loro docenti, hanno setacciato la spiaggia di Tramontonea Talsano a caccia di rifiuti, sabato mattina Puliamo il Mondo si è spostato nell’Isola dove ai volontari di Legambiente e dell’Oratorio San Giuseppe si è unito l’assessore all’urbanistica del Comune di Taranto, Augusto Ressa.

 Oggetto dell’intervento i giardini di via Garibaldi e le banchine di attracco dei pescherecci: retine, frammenti di plastica, polistirolo, cicche di sigaretta, tappi i rifiuti più diffusi raccolti  (nelle foto qualche momento della manifestazione).

Anche quest’anno sono centinaia gli appuntamenti di Puliamo il Mondo lungo la penisola perripulire le piazze, le strade, i parchi delle nostre città  dai rifiuti abbandonati e dal degrado. Lo scorso anno in Italia l’iniziativa, organizzata in tutta Italia da Legambiente, ha coinvolto oltre 600mila volontari, 35 associazioni cattoliche e laiche, tante scuole, migranti e comunità straniere.

Legambiente dedica quest’anno Puliamo il Mondo all’abbattimento dei pregiudizi e delle tante discriminazioni sociali da cui ripulire città e territori del nostro Paese Per un mondo pulito, civile e inclusivo, da costruire insieme.

Nel pomeriggio di sabato l’altro appuntamento organizzato  a Taranto da Legambiente conPuliamo il Mondonelquartiere Salinella, nei pressi del Mercatino delle pulci  in via Lago Maggiore, con  ivolontari della parrocchia Santa Famiglia.(com.)


0Shares

Articoli Correlati