Calcio 

Pietro Iemmello ci ricasca con il suo dito medio birichino

Era il 20 maggio 2012 quando si disputava la semifinale play off d’andata di Serie C1 tra Pro Vercelli e Taranto.

In occasione del gol del vantaggio dei bianconeri realizzato da Espinal, Pietro Iemmello si rivolse verso il settore ospiti occupato dai supporters del Taranto mostrando il dito medio. Le scuse arrivarono tramite Twitter: “Volevo fare le mie scuse ufficiali a tutti i tifosi del Taranto per il brutto gesto che mi ha visto protagonista domenica. E’ un gesto che non mi appartiene, soprattutto verso una città che conosco bene essendo  anche io meridionale. Mi spiace. Pietro”.

A quanto pare, però, il dito birichino è un gesto che gli appartiene dato che l’ho esibito sabato scorso allo stadio Zaccheria di Foggia, dove attualmente gioca. Per molti è sembrato un cenno rivolto alla tifoseria del Benevento, squadra dove ha giocato l’anno scorso e che detiene il suo cartellino. L’attaccante, però, ha precisato attraverso Instagram: “Questo gesto non era sicuramente rivolto alla curva del Benevento anche perché come si può ben notare il mio sguardo è verso la bandierina. Detto ciò non mi abbasserò mai a certi livelli nonostante io sia stato fischiato un anno intero. Buona vita a tutti non mi abbasserò mai al livello di chi cerca di strumentalizzare certe cose”. Perché fare il dito medio alla bandierina? Che senso ha?


6Shares

Articoli Correlati