Territorio 

Il Piano strategico per Taranto entra nella fase operativa. Da giugno anche una sede in città con front office

Si è svolta oggi la riunione tecnico-operativa sul Piano strategico per Taranto, indetta da Elio Sannicandro, commissario Straordinario ASSET, l’Agenzia Strategica di Sviluppo Ecosostenibile del Territorio che ha compiti di coordinamento per la stesura del Piano.

I dipartimenti regionali e le agenzie strategiche regionali hanno fatto il punto sullo stato dei lavori relativi alla legge regionale (n.2 del 29/01/2018) “Indirizzi per lo Sviluppo, la sostenibilità ambientale e la coesione economica e sociale del territorio di Taranto”, per rendere operative e concrete le sinergie multidisciplinari necessarie alla stesura del Piano strategico.

Le agenzie e i dipartimenti regionali stanno mettendo a sistema innanzitutto le azioni, le iniziative e i progetti nei settori di loro competenza già realizzati o in corso nell’area tarantina coerenti col Piano strategico. L’Agenzia regionale per la tecnologia e l’innovazione (ARTI) è impegnata in attività di formazione, ricerca e innovazione, Puglia Sviluppo nello sviluppo economico ed imprenditoriale, Pugliapromozione sul tema dello sviluppo turistico-culturale, l’ASSET su mobilità sostenibile, riqualificazione del territorio, infrastrutture. Le agenzie hanno dichiarato massima collaborazione con i dipartimenti regionali di riferimento e organizzato le modalità di lavoro per definire una proposta di pianificazione strategica su Taranto.

Durante l’incontro, i dipartimenti dello Sviluppo economico e quello della Promozione della salute hanno anticipato alcuni degli elementi principali di sviluppo in area tarantina, che determineranno ricadute positive nel territorio, dal rilancio dell’aeroporto di Grottaglie – attivo entro il 2020 per il trasporto di merci e turisti, ma che già da due anni è piattaforma europea per la sperimentazione dei voli a pilotaggio remoto (droni) e oggi rappresenta il primo “Spazioporto” d’Italia abilitato ai voli “suborbitali” in grado di attrarre un indotto turistico di fascia altissima – alla costruzione del  nuovo Ospedale “San Cataldo” di Taranto, in fase di progettazione esecutiva.

La stesura del Piano strategico è coordinata con altri programmi e progetti strategici che insistono nell’area tarantina, tra i quali, quelli delle Zone economiche speciali (ZES)  e dei Contratti istituzionali di sviluppo (CIS).

Si punterà inoltre alla valorizzazione storico archeologica, con particolare riferimento alla Magna Grecia, e al potenziamento dei servizi di informazione turistica, rispetto ai già esistenti infopoint turistici nel centro storico e nel porto. Per la prima volta a Taranto si svolgerà quest’anno il MEDIMEX 2018, International Festival & Music Conference, che prevede già iniziative congiunte con Apulia Life Style un progetto della Presidenza della Regione sui corretti stili di vita e il benessere della persona e il MArTA, il Museo archeologico di Taranto, confermando la grande attenzione che la Regione ripone al territorio tarantino ed al suo rilancio.

L’incontro di oggi ha permesso ad ASSET di condividere il fitto cronoprogramma dei lavori di stesura del Piano Strategico, con metodologie multidisciplinari e partecipate: si prevede l’approvazione delle Linee guida del Piano entro metà giugno ed un evento di presentazione delle stesse agli stakeholder e alle istituzioni entro fine giugno. Entro fine anno inoltre sarà approvato il Piano strategico definitivo dopo le procedure di processi partecipativi col territorio. Intanto nel corso della prima settimana di giugno sarà disponibile ed operativa la sede tarantina per tutte le istituzioni impegnate nel Piano strategico, in corso Umberto I, 121, con un front office, presidiato da Puglia Sviluppo e Pugliapromozione, per imprese e cittadini sulle tematiche e sulle varie iniziative.(Foto di Manuel Marra )


18Shares

Articoli Correlati