Cultura 

I tarantini Venuto e Voccoli in scena ad Aprilia nella rassegna “Corto d’Opera”

La rassegna di teatro Corto d’Opera, in partenza stasera nella città di Aprilia, ha fra i protagonisti due artisti tarantini, la poetessa e drammaturga Mara Venuto e l’attore e regista Vladimir Voccoli.

Mara Venuto è autrice di Miché, un intenso testo teatrale dedicato alla sindrome di Asperger, che sarà messo in scena in forma di estratto, domani 13 gennaio ad Aprilia, dall’attore professionista Vladimir Voccoli, che ne firma anche la regia. Venuto e Voccoli, co-fondatori nel 2016 della compagnia Voci del Mare, dopo il successo dello spettacolo The Monster, scritto da Venuto e diretto da Voccoli, riprendono il loro sodalizio artistico lavorando alla messa in scena del nuovo spettacolo Miché, selezionato per il concorso nazionale Corto d’Opera, organizzato dal Comune di Aprilia con il contributo del Consiglio Regionale del Lazio.

La rassegna apriliana, aperta ad attori e compagnie teatrali provenienti da tutta Italia, nasce con l’obbiettivo di promuovere a livello locale una più spiccata attenzione alla cultura e al teatro.

Miché, il progetto candidato da Mara Venuto e Vladimir Voccoli, ha conquistato la giuria incaricata della pre-selezione per la vividezza del testo e il tema sociale forte, nota caratteristica dell’autrice tarantina, e per la capacità attoriale con cui Voccoli ha dato vita a un uomo vittima dell’emarginazione derivante dalla condizione di disabilità.

Nell’arco di tre giorni dedicati al teatro, ciascuna compagnia in concorso nella rassegna Corto d’Opera avrà a disposizione un tempo massimo di 15 minuti, durante i quali dovrà convincere una prestigiosa giuria composta dall’attrice Mascia Musy, dal giornalista Claudio Ruggiero e da Isabella Di Cola, responsabile progetti dell’ATCL (Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio). Nella serata di domenica, inoltre, il pubblico avrà un ruolo attivo nell’assegnare il premio speciale della giuria popolare.

Lo spettacolo Miché ha già registrato feedback positivi da parte di pubblico e critica: infatti, interpretandone un estratto, Vladimir Voccoli si è classificato al quarto posto su 400 concorrenti nel concorso nazionale per attori The X Actor, lo scorso dicembre in Sardegna.

VENUTO E VOCCOLI, CO-FONDATORI DELLA COMPAGNIA VOCI DEL MARE:

Mara Venuto è poeta e drammaturga, come autrice di teatro è stata pluripremiata e rappresentata; in come poetessa è stata pubblicata in Polonia, Russia e Stati Uniti; editor e ghostwriter freelance a livello nazionale, ha curato libri di grande successo.

Vladimir Voccoli è attore e aiuto regista; dopo numerose esperienze in compagnie teatrali in Toscana e a Dublino, si è diplomato in recitazione presso la prestigiosa Accademia Teatrale di Firenze ed è attivo anche con la Compagnia Mal d’Estro di Firenze.

La compagnia Voci del Mare, di cui Mara Venuto e Vladimir Voccoli sono co-fondatori con Francesca Passantino,ha prodotto gli spettacoli The Monster e Gli Eroi, tratti dai testi omonimi di Mara Venuto, messi in scena con ampio consenso di pubblico e critica.

Lo spettacolo The Monster, tratto dal monologo di Mara Venuto finalista al Mario Fratti Award 2014 di New York, con la regia di Vladimir Voccoli, è stato inserito in cartellone dall’Auditorium Tarentum di Taranto nel 2016 e nel 2017, ed è stato replicato come matinée per le scuole, in virtù del suo carattere sociale. Lo spettacolo è stato, inoltre, finalista al Festival Urgenze 2017, promosso dal Teatro Tordinona di Roma.

Attualmente la compagnia Voci del Mare è impegnata nella realizzazione dello spettacolo Miché.

SINOSSI DEL CORTO IN CONCORSO, MICHE’:

Miché è un uomo fatto, ha quarant’anni ma sembra un bambino, veste da bambino, e passa le sue giornate chiuso in una cameretta da bambino. Solo di recente a Miché è stata diagnosticata la sindrome di Asperger, per tutta la vita lo hanno creduto scemo. Ma Miché non è scemo, impara alla velocità della luce ed è sempre un tesoro con chi lo tratta con gentilezza. Da quando ha scoperto Facebook e YouTube la vita di Miché è cambiata, non è più solo, può avere tutti gli amici che non ha mai avuto, o almeno così gli sembra… Può conoscere tante persone fantastiche, come Lady Loo, l’affascinante dj che gli ha rubato il cuore spingendolo a osare. Finché la realtà non interviene a frantumare l’illusione, e paure, esclusione e rabbia rimettono tutto in discussione.



Articoli Correlati