Territorio 

Consiglio comunale monotematico: bocciata la mozione di Battista

“Nella giornata di oggi, 25 marzo 2019, abbiamo presentato, nel corso del consiglio comunale monotematico su salute e ambiente, una mozione al sindaco Melucci affinché si impegni a tutelare il diritto alla vita dei cittadini di Taranto”. Così in una nota su Facebook il Consigliere comunale Massimo Battista.

“Da anni i tarantini subiscono i danni di una industrializzazione selvaggia che ha causato morte e malattia. Il sindaco – prosegue Battista – ha i mezzi e il potere per fermare tutto questo, ed è un suo diritto e dovere tutelare la salute pubblica.
Un atto coraggioso dirà qualcuno, ma in realtà si tratta solo di buonsenso, perché chiudere scuole e obbligare un’intera comunità a stravolgere la propria vita non è più ammissibile.
Al sindaco abbiamo chiesto di seguire la legge vigente, il principio di precauzione, affinché si pongano immediatamente in essere le azioni necessarie per fermare le fonti inquinanti che causano malattie e morte.
I dati ci sono, come le dichiarazioni di chi da anni si occupa della salute dei tarantini, il dottor Conversano afferma che ‘pur fermando oggi le fonti inquinanti, gli effetti sulla popolazione jonica continueranno per i prossimi venti anni’.
Il dottor Mazza invece dichiara che le forme tumorali diventano sempre più aggressive con il passare degli anni.
Questo vuol dire che il tempo dei proclami e dei rimbalzi di responsabilità è finito.
Al sindaco e a tutti i consiglieri oggi è stata data la possibilità di schierarsi, da una parte la città, dall’altra la produzione ad ogni costo, e lui ha scelto.
Da sindaco industrialista ha deciso, con la sua maggioranza, di bocciare la nostra mozione, di fatto consentendo alla grande fabbrica di continuare a inquinare. La salute pubblica non è evidentemente un suo obbiettivo, lo dimostra coi fatti, per l’ennesima volta.
Vado avanti, Taranto ha bisogno di amore”, conclude il Consigliere Battista.



Articoli Correlati