Politica 

Consigliere Di Lena: “Pulsano finisce sottacqua per l’inadeguatezza del sistema di raccolta delle acqua bianche sottodimensionato o assente”

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato del Consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena

IL CONSIGLIRE DI LENA CHE AVEVA DA TEMPO EVIDENZIATO IL PROBLEMA CHIEDE L’ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI URGENTI.

Il nubifragio del giorno 13.07.2019 ha letteralmente  messo in ginocchio il comune di Pulsano rivelando ancora una volta l’inadeguatezza del suo sistema idrico delle acque bianche, sottodimensionato o assente. Pochi giorni prima dell’evento il consigliere Angelo Di Lena aveva per l’ennesima volta evidenziato questo problema chiedendo provvedimenti urgenti che adesso appaiono indifettibili:

“Il nubifragio che ieri ha interessato la provincia di Taranto ha rivelato tutta l’inadeguatezza del sistema idrico di raccolta delle acque bianche di Pulsano. 

Allagamenti e disagi si sono avuti in tette le zone del paese e in alcuni casi la gente ha dovuto spostarsi persino con  materassini e mezzi di fortuna. 

I danni nelle abitazioni sono ingentissimi e a questi si aggiungono i danni alle autovetture. E non finisce qui vista l’allerta meteo per le prossime ora. Ho evidenziato molte volte in questi anni, dati alla mano, l’inadeguatezza del sistema idrico di raccolta delle acque bianche in paese perché sottodimensionate e la necessità di realizzazione di una nuova rete in alcune aree del paese che ne sono sprovviste. 

Senza parlare del rischio idrogeologico paventato da alcuni esperti. 

La pulizia delle grate dal fogliame e dalla sporcizia da me richiesta ad inizio estate per tamponare la situazione non ha impedito il collasso di tutto il sistema idrico di raccolta. Occorre provvedere al più presto e chiedere alla regione di dirottare alcuni fondi destinati al sistema fognario di Pulsano al sistema di raccolta delle acque piovane. 

Ma, soprattutto, come ho già detto nei mesi scorsi  occorre riconsiderare la reale capacità del sistema idrico di raccolta. 

Per tali motivi questa mattina ho inviato una segnalazione per  mancato reflusso delle acque meteoriche nuovamente  al Dipartimento mobilità, qualità urbana , opere pubbliche, ecologia e paesaggio , Nucleo Vigilanza Ambientale della Regione Puglia , Arpa Puglia ed Acquedotto ed una richiesta di finanziamenti all’ Autorità idrica pugliese.

Sono previsti nuovi rovesciamenti e occorre prendere  provvedimenti da subito. 

Ricordo che a causa di questo problema in una via del paese c’è stato il cedimento del piano stradale. 

E’ necessario valutare pertanto la possibilità di  chiusura di alcune strade al transito per evitare problemi  ancora più gravi alla cittadinanza in caso di nuovi cedimenti del piano stradale”.(com.)



Articoli Correlati